Casino

Sono del nord io e quando ero piccolo mi spiegavano che non devo usare la parola casino, in quanto volgare. Mi insegnavano di dire “che confusione”.  Non capivo cosa c’è che non va con tale parola. Dopo sono cresciuto e capito finalmente che si tratta del nome usato per specificare la casa pubblica dove si fa un po’ di bunga-bunga a pagamento. Ancora dopo, con gli anni ho cominciato anche di praticare le attività legate a quel posto e devo dire che mi sono piaciute, ma tanto. Così tanto che non riuscivo a capire perché il nome di una casa dove si fanno delle cose belle può avere un significato volgare. Mai stato in un posto di genere perché durante la mia esistenza non esiste, almeno in Italia, ma spesso ho visto le scene dei film con le ragazze belle e sistemate, ed i signori per bene che si divertivano e pagavano e non mi sembrava di aver visto della confusione, la parola sinonimo, o viceversa. Dov’è il trucco? Qualcuno me lo sa spiegare?

Mi è venuta una barzelletta. Un gruppo di amici e di amiche decidono di organizzare un sesso di gruppo. Visto che erano tutti un po’ timidi decidono di dedicarsi agli accoppiamento nel buoi, spegnendo le luci ed abbassando le tapparelle. Si sente di tutta: ahhh, ohhh, ehhh. Ad un certo punto all’improvviso si accende la luce ed il tizio responsabili per quel atto dice: Fermi tutti. Ho fatto un pompino e mi hanno inculato due volte; organizziamoci un po’. Sentendo questa, anche io ho cominciato ad associare il sesso al casino, cioè, scusa mamma, alla confusione. Perché spesso succede nella vita che alla fine di una confusione siamo tutti fottuti. Nessuno ci avverte in anticipo e non ci fornisce nemmeno un tubetto di vaselina, ma con il tempo anche i buchi piccoli si allargano e la cosa scivola meglio e quasi non fa neanche male, almeno non troppo. E così la vita diventa un casino continuo, che non finisce mai e non sai dove aspettarlo, davanti o da dietro.

Ma vi siete mai chiesti ultimamente, che cavolo (vedete che sono comunque educato ed anche vegetariano; uso solo la verdura) di confusione ci porta questa crisi? Non si capisce niente! Un giorno la borsa va giù perché la Belen è incinta. Giorno dopo va su perché piove a Napoli e non si fa giocare la partita. Lo spread (sarà una verdura, perfino questo?) va su e giù.

Sempre quel famoso movimento legato alle case del piacere (d’accordo, a volte si fa anche avanti e dietro). Sembra che siamo sotto un assedio, mentre la vita quotidiana va normalmente, o quasi, se uno non guardasse la televisione. Senti sempre una pressione da dietro e ti chiedi se stai per essere inculato. Sei anche pronto per sacrificarti, per pagare più tasse, per vedere la reintroduzione dell’ICI, nemmeno il ticket sanitario non ti fa più paura. Faresti di tutto per tornare nella normalità. Sei quasi pronto pure a prenderlo, ma con almeno un po’ di vaselina. Va bene e non preoccuparti, perché ti volevamo proprio qui. Certo, siamo gente civile e un po’ di vaselina non si nega a nessuno.

Casinoultima modifica: 2011-11-10T12:05:16+00:00da casinodellavita
Reposta per primo quest’articolo