Barzellette

Attenzione: su Facebook gira un virus molto pericoloso che legge i tuoi messaggi, guarda le foto ed i commenti. Si chiama Moglie.

Penso che i due giorni per il fine settimana non sono sufficienti.

Vado in banca per fare due risate sul mio conto.

La preghiera di Capodanno:
Dio mio, dammi quest’anno un portafoglio grasso ed un corpo magro. Ti prego, non confonderti come l’anno scorso.

Un uomo torna a casa da un viaggio d’affari un giorno prima del previsto. Tornando a casa con un taxi, chiede al tassista se può essere il suo testimone in quanto pensa che la sua moglie lo tradisca. Il tassista accetta il ruolo per un sovraprezzo di 100 euro. Arrivati, entrambi entrano silenziosamente nell’appartamento e dopo nella camere da letto. Il marito accende la luce, toglie la coperta dal letto e scopre sua moglie con l’amante. Dalla borsa tira fuori una pistola, l’ha appoggia sulla testa dell’uomo con l’intenzione di ammazzarlo. Sua moglie urla:
– Non sparare! Ti ho detto una bugia; non ho avuto alcuna eredità. Lui ha pagato la Mercedes che ti ho comprato e anche lo yacht. Lui ha sborsato i soldi per l’abbonamento annuale per le partite del Milan e per la casa al lago.
Ben confuso, il marito abbassa l’arma e si rivolge al tassista:
– Lei cosa farebbe al posto mio?
– Lo coprirei con la coperta per non fargli prendere il raffreddore.

pensatore

Mio nonno mi insegava le cose pratiche della vita:
– Per una digestione migliore bevo la birra, se non ho l’appetito prendo un bicchiere di vino bianco, per la pressione bassa la cosa migliore è il vino rosso, per quella alta prendo un cognac e quando sono raffreddato bevo una grappa.
– Ma nonno, quando bevi l’acqua?
– Una malattia così grave non ho mai avuta.

Sul mercato cittadino si incontrano due amici dal liceo.
– Ma non ti ho visto cent’anni. Ma tu ti sei laureato in medicina?
– Sì vecchio mio, con 10 e lode.
– Complimenti! Sei sempre stato un cervellone. Senti, a quanto vendi i cocomeri?

Due amici:
– Ma da quando porti gli orecchini?
– Da quando mia moglie gli ha trovati nella macchina e dovevo dire che sono miei.

Suona il telefono. Lui:
– Se cercano me, non sono in casa.
Lei risponde al telefono:
– Sì, lui è a casa.
– Ma sei matta, ti ho detto di dire che non ci sono!
– Non cercavano te, ma me.

Barzelletteultima modifica: 2014-04-05T19:37:31+02:00da casinodellavita
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento